Ab ovo

Per capire il presente bisogna rispolverare il passato:

Fu Ministro del tesoro dall’ottobre 1980 al dicembre 1982 nel governo di Arnaldo Forlani e nei governi di Giovanni Spadolini I e II.
La sua permanenza al Tesoro coincise con alcuni degli anni più critici della storia dell’Italia contemporanea.

Andreatta sancì la separazione della Banca d’Italia dal Ministero del Tesoro.
Negli anni ottanta fu  presidente della commissione Bilancio del Senato. Fu vicepresidente del Partito Popolare Europeo dal 1984 al 1987, grazie al sostegno dell’alleato Helmut Kohl e della sua Unione Cristiano-Democratica.
Tornò al governo nel 1992, sull’onda dello scandalo di Tangentopoli che aveva allontanato molti volti noti, come Ministro del bilancio e della programmazione economica con l’interim della Cassa per il Mezzogiorno nel primo governo di Giuliano Amato. In seguito fu ministro degli Esteri nel governo di Carlo Azeglio Ciampidall’aprile 1993 al marzo 1994.
Andreatta fu attivo promotore della  privatizzazione del gruppo pubblico IRI: a tal proposito, firmò l’accordo Andreatta-Van Miert alla fine del 1993[8].
Fu ideatore dell’Ulivo.
Dopo la caduta del governo Prodi, nel 1998, fonda “Carta 14 giugno”, un’associazione ulivista che si proponeva di allargare le basi democratiche del consenso e favorire la riduzione del potere dei partiti. Durante la campagna elettorale per le europee del 1999, auspicò l’incontro tra Partito Popolare Italiano e I Democratici, che si sarebbe poi realizzato nel 2001 con la costituzione de La Margherita.
il 15 dicembre del 1999, nel corso di una seduta parlamentare, ebbe un grave malore e finì in coma profondo in seguito a un infarto e alle conseguenze di un’ischemia cerebrale. Andreatta rimase fino alla morte in uno stato vegetativo, senza mai riprendere conoscenza, spegnendosi dopo più di sette anni di stato comatoso il 26 marzo 2007 nel reparto di rianimazione del Policlinico Sant’Orsola-Malpighi di Bologna.
l figlio Filippo Andreatta, docente presso l’Università di Bologna, scrive su diversi quotidiani italiani (tra cui il Corriere della Sera ed Europa) ed è esponente del Partito Democratico. La figlia Eleonora, invece, è un’alta dirigente della Rai …
(Wikipedia)

https://memorabiliadiario.wordpress.com/2019/05/02/piu-europa/

 

 

 

Il risveglio dei popoli

Col solito più che ventennale ritardo, la gente comincia a capirlo…

Per cosa si vota il 26 maggio

Il 26 maggio, infatti, andremo/andrete (!?) a votare per eleggere i parlamentari dei cittadini dell’Unione, non i rappresentati italiani nell’Unione.
Questo cambiamento è previsto dalla Decisione numero 2018/994.
Si potrebbe pensare che sia solo un cambiamento lessicale, che poco cambia, ma non è così.
Cambia totalmente il senso delle elezioni stesse. Con questo atto siamo trasformati formalmente in cittadini dell’Unione.
Non siamo più italiani, francesi o tedeschi.
Ciò sarà un vero orgasmo per i nostri euro-pirla.
La cosa, tuttavia, ha del manicomiale.
Questa Decisione (così si chiama formalmente) è stata adottata proprio quando ormai è a tutti evidente che, per motivi storici e politici, lo Stato Federale non si può fare.
E lo hanno sanzionato proprio Francia e Germania con l’accordo di Aquisgrana e la successiva convocazione a Parigi dei parlamentini delle due nazioni.
Il significato è chiaro: l’Unione siamo noi.
Così, per un verso, diventiamo tutti euro-unionisti, e, dall’altra, il comando è delle elité francesi e tedesche: lo Stato Carolingio.
Ma questo è solo il primo passo.
La denazionalizzazione delle elezioni dei parlamentari è solo il primo passo.
Immagino che direttive, regolamenti, sanzioni, saranno ancor più stringenti sui poteri nazionali. Lo stesso ruolo della Commissione e del Consiglio dei governi ne verrà trasformato.
In Italia, tale Decisione è stata ratificata dal Consiglio dei Ministri e dalle Commissioni Competenti di Camera e Senato come se fosse una decisione qualunque e nel più totale silenzio.
Nessuno, nemmeno i nostri sovranisti leghisti o pentastellati hanno detto alcunché.
A tutti, infatti, interessava la spartizione dei posti lasciati liberi dalla Brexit contenuta nello stesso atto.
La gabbia Euro-Unione, dunque, si stringe.
Ma più si stringe più si complica.
Più si complica, più si stringe.
La rabbia, la voglia di indipendenza e di un’Europa diversa si allargherà.
Prima o poi, in un modo o in un altro, la corda si spezzerà”.

Ugo Boghetta

https://www.ariannaeditrice.it/articolo.php?id_articolo=61916

Gli ultimi romantici

Una volta rincasato, ho ripensato alla giornata di oggi elaborando la seguente riflessione:
– l’80% degli italiani è stato istupidito da giornali, dalla televisione e, più in generale, da trent’anni di pensiero unico liberista ed è completamente ignaro di quello che sta succedendo, o peggio ha una percezione completamente distorta della realtà. Vivacchia alla giornata, chiuso nel proprio individualismo, guardando soltanto l’orticello personale ed è privo di qualsiasi visione sociale, storica e men che meno politico-economica.
– Un 15% della popolazione è consapevole, ma al contempo sfiduciato, privo di stimoli reattivi e rassegnato.
– Infine c’è un 5% che non è solo consapevole, ma anche romantico.
Già, romantico! Perché soltanto un romantico può scegliere di dedicare una vita intiera ad una battaglia soltanto perché la ritiene giusta, pur sapendo che non ne trarrà alcun vantaggio personale (ma forse solo svantaggi). Una battaglia i cui frutti li vedranno, forse, i figli o, più probabilmente, i nipoti o, addirittura, i pro nipoti.

Eppure se non ci fossero i romantici non avremmo mai avuto i moti del 1820, quelli del ’48, il 1861, né uomini del calibro di Mazzini e, oggi, non ci sarebbe il FSI!
“Solo era un romantico, non un sognatore. Un sognatore è colui che spera per ottenere qualcosa. Un romantico è colui che spera contro ogni possibilità”. (David Trueba)

http://appelloalpopolo.it/?p=50150

Per una rivoluzione conservatrice

https://www.maurizioblondet.it/la-ue-tedesca-arretramento-storico/

Signori della Grande Stampa e della Tv, venditori di almanacchi e di oroscopi politicamente corretti, l’annuncio che avete dato a reti unificate è una bufala: il sovranismo non è finito dopo l’euro-accordo con Bruxelles sulla Manovra. Semplicemente non è ancora cominciato. Lo dico anche ai suoi fautori; il compito per l’anno neonato è far nascere un vero, maturo, duraturo, sovranismo. Ossia un governo che governi nel nome del popolo sovrano e dell’amor patrio, che decida come sa decidere un governo davvero sovrano, che sappia anteporre gli interessi generali e nazionali a quelli settoriali e particolari e stabilisca il primato della politica e della comunità nazionale sulla finanza e sulla tecnocrazia globali.

Ieri Mattarella è apparso prudente più del solito e rispettoso di tutti, non ha attaccato sovranisti e populisti, si è appellato in modo ecumenico alla comunità. È stato il Papa a far la predica più politica, parlando contro ignoti e rivolgendosi alla cristianità che per lui si riduce alla comunità di Sant’Egidio e paraggi. Ma il problema che hanno eluso entrambi è che i valori condivisi non ci sono più, tocca rifondarli. Non solo i “valori” delle opposizioni divergono dai “valori” della maggioranza ma il discorso delle istituzioni e il racconto dei media divergono paurosamente dal modo di vedere e di sentire della gente. C’è un abisso in mezzo. È da lì che deve ripartire la ricucitura di cui parlava Mattarella, ossia la rifondazione d’Italia e il dialogo con l’Europa: rigenerare il senso della comunità. E può farlo solo una grande, ambiziosa rivoluzione conservatrice.

Se vuole salvarsi questo Paese deve avviare quest’anno una grande rivoluzione conservatrice. Non solo un cambiamento né solo un ritorno alla sua tradizione, ma una vera e propria rivoluzione conservatrice. Da una parte ha bisogno di una svolta radicale, un rinnovamento vero nei metodi, nello stile, nei contenuti, negli assetti e nelle strutture pubbliche. È un paese vecchio, stitico, asfittico, che ha paura del nuovo e del futuro, non fa figli e non fonda più nulla; è vecchio dentro, oltre che nelle strutture e negli organismi. Un paese ingessato nella burocrazia, soffocato dalla pressione fiscale, scoraggiato da ogni tentativo di rischiare. Se non cambia, se non osa, l’Italia non si salva. Non viene cacciata dall’Europa ma vomita se stessa.

Rivoluzionare l’Italia per rivoluzionare l’Europa, dice bene Salvini. Ma farlo a partire dalle classi dirigenti, dai migliori e da chi fa, non dalle plebi e da chi non fa, come invece pensano i grillini. Di Maio ha come suo manifesto ideologico la poesia A’ livella di Totò: ma si ricordi che A’ livella si riferiva ai morti, mica ai vivi. Un paese vivo deve saper ripartire dalle sue migliori energie, deve saper partire dai meriti e dalle capacità.

Dall’altra parte un Paese non si salva se rinnega se stesso, la sua identità, la sua storia, la sua cultura, la sua tradizione, le bellezze che ha ricevuto in dono dal passato, l’esperienza delle generazioni precedenti. Per questo è necessario che la rivoluzione sia anche conservatrice. Un paese dove i morti superano i nati, i vecchi superano i giovani, tra chiese chiuse, edicole chiuse, librerie chiuse, paesi chiusi, non va da nessuna parte. L’Italia deve riscoprire il gusto e la passione di conservarsi, di avere memoria storica e sensibilità civile. Non basta sorvegliare i confini, come giustamente enuncia Salvini e non basta frenare i flussi migratori come altrettanto giustamente cerca di fare; bisogna poi che ci sia vita dentro quei confini, vi sia una comunità viva, un paese che non è spaventato, non ha paura del nuovo, dell’estraneo e del futuro, ma sa difendere il suo passato, il suo presente e il suo avvenire. Insieme. A viso aperto.

Marcello Veneziani

leggi tutto su https://www.ariannaeditrice.it/articolo.php?id_articolo=61395

Destra e sinistra

La sinistra ha toccato livelli minimi impensabili, fino a indurre uno degli ultimi suoi leader, di sicuro il più assurdo, a dire che bisognerebbe chiedere scusa a Berlusconi, cioè a una persona definita dai giudici un delinquente naturale e che per i suoi interessi ha spolpato l’Italia.
Se questa è la sinistra o presunta tale, non ci si deve certo stupire che vinca la destra.
Di politica di sinistra, ammesso che si possa identificare una politica in questo senso, nella sinistra passata e attuale, non c’è praticamente nulla e sembra che l’unica politica evidente sia sempre la rincorsa alla destra. Nessun valore, nessun tema rilevante, soprattutto nessuna idea o progetto degno di questo nome, scavalcati pure da Papa Francesco che, in confronto, su alcuni temi è un estremista. Ma se si rincorre la destra, l’elettorato fa prima a votare direttamente l’originale piuttosto che i suoi penosi imitatori.
Inoltre nella sinistra, in questa sua perenne crisi di identità, si creano mille spaccature, lotte intestine fra bizzarri personaggi, ridicole correnti che creano decine di partiti e partitini attorno a leader improbabili. E non potrebbe essere altrimenti visto che non sanno assolutamente nè cosa fare, nè dove andare e si limitano a vivacchiare ognuno con i suoi fans di riferimento.
A livello politico quindi la sinistra è un caravanserraglio che porta solo acqua al mulino della destra. Le politiche sono simili, gli obiettivi pure, basti pensare alla unione di intenti sulla TAV e non si capisce quali siano le differenze. Entrambe vogliono che aumenti il PIL ovvero la distruzione dell’ambiente e l’attacco sistematico alla salute delle persone, entrambe appoggiano i grandi gruppi industriali, si inginocchiano al turbo capitalismo e alla sua finanza e farebbero mega infrastrutture ovunque all’infinito. Entrambe sono abbonate alla corruzione e al malaffare. Entrambe obbediscono alle politiche americane. Sono poi entrambe per una logica ferocemente competitiva e se il messaggio che passa alle persone è quello di una lotta senza quartiere di tutti contro tutti, ha maggiore vantaggio chi è più militarizzato e a giudicare dal guardaroba infinito di divise che ha Salvini, è scontato chi vince la partita.
La sinistra non hai ha messo in discussione la competizione né si è mai fatta problemi sulla qualità del lavoro. Per lei si deve competere e creare lavoro, non importa come e cosa, anche un lavoro dannoso per l’ambiente, pericoloso per la salute e alienante per le persone, va bene tutto e in questo i sindacati sono anche loro un valido maggiordomo della destra e difatti laddove si votava a sinistra e in storiche roccaforti operaie, adesso votano la Lega senza pensarci due volte.
Se la lotta è senza quartiere, rivolgiamoci ai più muscolosi e prendiamocela con quelli al di sotto di noi che così vinciamo facile: rom, neri, immigrati, disabili, donne, dagli al nemico.
Dal punto di vista culturale, che in teoria dovrebbe essere uno dei punti di forza della pseudo sinistra, ci si indigna delle politiche della destra sugli immigrati, degli attacchi via social a donne o persone che appoggiano una presunta politica della solidarietà (che non si sa nè cosa significhi, nè cosa sia nel concreto) o che sono contro le discriminazioni in genere.
Ma riavvolgiamo il nastro all’indietro e chiediamoci quale è la cultura in Italia. Moltissimi intellettuali, scrittori, cantanti, artisti, studiosi, professori universitari ecc. in un modo o nell’altro sono tutti passati all’incasso da Berlusconi cioè dal padre della non cultura per eccellenza o meglio della cultura intesa come massa abbondante di culi e altri parti del corpo femminili che appaiono nei suoi canali. Non che gli altri canali televisivi siano meglio, anzi; così come la sinistra, hanno tutti seguito le orme berlusconiane passando dal male al peggio.
Tutti che hanno tranquillamente accettato che la televisione fosse il maggiore e più importante veicolo culturale del paese, senza farsi una domanda senza porsi un problema. Eppure Pasolini lo aveva detto chiaro e in ogni modo che la televisione avrebbe distrutto la cultura e la sapienza del paese. Sì vero, ma quando si tratta di apparire, di mostrare la propria immagine, fare brillare
il proprio ego, vendere i propri prodotti, libri o altro che sia, la televisione, madre di tutte le ignoranze, fa comodissimo a chiunque, da chi parla di decrescita (fra uno spot e l’altro), di ambiente, fino a chi si erge a difensore degli immigrati.
E Berlusconi non è solo televisione ma un impero di case editrici con le quali non hanno nessun problema a pubblicare libri e battere cassa intellettuali e simili che oggi strepitano contro le politiche della destra dei cattivi. Eppure nel panorama editoriale ce ne sono di case editrici che non fanno parte del carrozzone berlusconiano e anzi andrebbero supportate proprio per diminuire il suo strapotere.
Chi ha creduto che partecipare a trasmissioni di Maria De Filippi, o tante altre simili, fosse una cosa intelligente, non può ora certo lamentarsi dell’abisso in cui siamo caduti. Non si può accettare di far passare la cultura attraverso la fogna televisiva e poi pretendere di fare l’agnellino immacolato, il tanfo rimane. Ecco perchè chi ora fa il paladino di non si sa bene cosa, non è credibile e non ha nemmeno grande seguito e se ne stupisce pure e accusa gli italiani di poco coraggio. Se accetti il campo dell’avversario e le armi che propone l’avversario, è chiaro che perderai sicuramente. Ma questi sono concetti troppo impegnativi da perseguire, perchè creare un campo diverso, modi diversi di vivere e ragionare, di fare cultura, comunicazione, è troppo faticoso, rischioso, complicato e poi c’è sempre pronta la scusa che non si arriva alle masse (o almeno così si pensa). Come se le masse a cui arriva la televisione o la cultura di Berlusconi e simili, fossero quelle che ci stanno portando verso un fulgido e fantastico avvenire e non quelle che ci hanno fatto sprofondare. Ma pur di trovare qualche scusa e continuare a incassare, ci si inventa qualsiasi giustificazione, anche la più campata in aria.
A presunti intellettuali, studiosi, politici di pseudo sinistra in fondo basterebbe poco: rileggere anche solo Pasolini ma poi metterlo davvero in pratica. Non temete, se si ha voglia di lavorare, il modo per vivere dignitosamente in Italia lo si trova sempre, anche e soprattutto senza accettare, foraggiare e supportare la politica peggiore e la cultura peggiore.

Paolo Ermani

http://www.ilcambiamento.it//articoli/la-destra-vince-grazie-alla-sinistra-sua-vera-alleata

Regionalismo

Come scriveva, più di novanta anni fa,  sul tema del regionalismo, Gioacchino Volpe, grande storico di scuola nazionale “qualsiasi rimaneggiamento istituzionale è utile solo in quanto abbia dietro di sé una più salda trama di forze sociali, più alta educazione politica di collettività e di gruppi dirigenti, senso più robusto dell’interesse generale, maggiore voglia di lavorare e disposizione o rassegnazione a confermare il proprio tenore di vita a certe condizioni generali dell’economia nazionale e internazionale”.

Il rischio, oggi, di fronte alle grandi trasformazioni innescate dall’autonomia differenziata è che l’opinione pubblica rimanga ai margini, considerando il processo in atto come un esercizio di ingegneria costituzionale o , peggio, per alcune aree del Paese, come uno scotto politico da pagare ad un partito, la Lega Nord.

Sarebbe  insomma un errore considerare la nuova stagione del regionalismo come un  passaggio di routine. Per dare concretezza all’iniziativa federalista occorre piuttosto  trasformarla in un’occasione di mobilitazione politica e sociale, espressione – per dirla con Volpe – di una più salda trama di forze sociali e di un senso più robusto dell’interesse nazionale.

Il richiamo ad una gestione attenta e parsimoniosa delle risorse pubbliche, l’integrazione tra sussidiarietà verticale (impegnata a fissare la distribuzione di competenze amministrative tra diversi livelli di governo territoriali) e sussidiarietà orizzontale, una più ampia visione del riformismo costituzionale sono elementi essenziali per fare sì che la nuova fase federalista possa essere non solo “fiscale” ma anche partecipativa e solidale e dunque autenticamente “nazionale”. Il rischio altrimenti è che si indebolisca l’unità nazionale e si frantumi la coesione sociale. Con gravi conseguenze per il Nord ed il Sud del Paese. Senza distinzioni.

http://www.barbadillo.it/80899-focus-se-lautonomia-differenziata-diventa-federalismo-zoppo/