Ma li fate i compiti?

Questa lettera aperta è stata scritta da Maurizio Blondet che dice di essersi limitato ad un copia incolla di quello che si trova su twitter:

 Comincerei con un tweet di Gruido Crosetto:

Per cortesia, @matteosalvinimi, @luigidimaio, @GiuseppeConteIT, fatevi fare, da persone fidate, un quadro reale di cosa si sta addensando contro di noi sui mercati finanziari internazionali, di quale sarà il giudizio delle agenzie di rating e delle possibili conseguenze. Grazie

Vorrei  aggiungere all’indirizzo dei due, uno dei quali ho votato:   mentre litigate sul condono (dove ha  ragione Di Maio) e per ripicca ponete 81 emendamenti sul decreto sicurezza (e qui ha ragione Salvini: sembra l’opposizione) avete perso di  vista il Nemico Principale, che è potente, ha tutti i mezzi e  le armi per schiacciarvi, a cominciare da una banca centrale nemica e quinte colonne nelle stanze dei bottoni –  che voi non avete ancora saputo occupare. Vi rendete conto che, se mandate gli italiani a questa guerra  con le eterne scarpe di cartone finite appesi a piazzale Loreto?  E magari non dai piddini che ve l’hanno giurata, ma  da  noi che vi abbiamo  votato.

Condono,   reddito di cittadinanza, no-legge Fornero non  sono stati un granché, sono venuti malcotti, diciamo.  Non danno crescita né sviluppo. D’accordo, erano nel contratto.   Ora per favore,  sotto l’incalzare dello spread,  volete occuparvi delle cose veramente urgenti  da fare subito come arma  contro le aggressioni dei mercati (ossia di Draghi e Berlino)?

La prima cosa, che dovevate  aver già fatto: abrogare le norme   criminali delle aste marginali sul debito pubblico, per cui lo Stato paga il 3-4 per cento di interessi a investitori che erano disposti a comprare i nostri titoli di debito da 1. E’ un trucco criminale inventato da Andreatta e Ciampi che aumenta inutilmente i costo del nostro debito pubblico a solo vantaggio degli speculatori.

Se non sapete  di cosa si tratta, Salvini e Di Maio, perché distratti da altro, leggetevi l’esortazione di Rinaldi e Dragoni che spiega  bene il problema:

https://scenarieconomici.it/si-cambi-subito-il-meccanismo-dasta-dei-titoli-pubblici-di-f-dragoni-e-a-m-rinaldi/

Dopodiché proponete un decreto d’urgenza per cancellare questa criminale idiozia che non ha eguali nel mondo (e fanno di noi il popolo finanziariamente più stupido e aggirabile  che ci sia). Avete ricevuto in parlamento la maggioranza schiacciante: fate votare l’abolizione la cancellazione di questo trucco.   Al ministero di Tria dovrebbero darvi indicazioni sulla formulazione della abrogazione. E’ una legge che è  stata varata e approvata? Temo persino di no: che  sia una cosa impapocchiata fra Tesoro e Bankitalia, così tra amiconi. Come il famigerato  “divorzio” – la fine per la banca centrale di acquistare i Buoni del Tesoro eventualmente invenduti, facendo da calmiere agli interessi – non fu una legge approvata – e ancor meno discussa –  dal parlamento, ma, come dovreste sapere,   una lettera che Andreatta (Tesoro) scrisse a Ciampi (governatore), datata il  12 febbraio 1981.

Ora giustappunto, una  cosa urgente da fare è rendere nulla questa lettera. A rigore, non occorre nemmeno un voto del Parlamento;  visto che il divorzio non fu votato e non è legge,  basta una lettera di Tria a Visco che annulla quella del 1981. Lo farà Tria? Lo accetterà Visco?  Sarà interessante a vedersi.  E avrete  aggiustato il tiro sul Nemico Principale.

 

L’altra cosa da fare, con pari urgenza: offrire titoli del debito pubblico ai cittadini italiani, che hanno migliaia di miliardi di  risparmi inoperosi  –  invece di andarli a  piatire  ai “mercati  esteri”.  Avete buoni economisti, ed avete parlato di CIR, Conti Individuali di Risparmio da offrire ai  risparmiatori.

Ma “dal  2019  –   mentre lo spread sale ORA, minaccioso, e bisogna fare qualcosa sin da subito”: sto citando Guido Grossi,  l’esperto del problema, che vi dice: “Fra il 15 ottobre ed il 1 dicembre scadono 30 miliardi di BTP, che devono essere rinnovati. Fra il 12 ottobre ed il 30 novembre scadono anche 24 mld di BOT e 10 mld di CCT, attualmente posseduti da banche e fondi”.   Grossi  vi spiega cosa fare,  vi rimando all’articolo:

https://www.attivismo.info/lo-spread-sale-gettiamo-acqua-sul-fuoco/

Un altro twitterologo, Alberto Micalizzi,   vi dice:

SPREAD AI MASSIMI DA 5 ANNI – SOLUZIONE IN DUE MOSSE,

1) Cassa Depositi e Prestiti  in acquisto sistematico di BTP;

2) Tesoro emetta CCT ai risparmiatori attraverso il canale postale. Occorre farlo subito, senza tentennare e senza fare concessioni (fu l’errore di Berlusconi…).

Un altro:

I Minibot sarebbero un ottimo strumento di difesa contro lo spread (di P. Becchi e G. Palma)

I Minibot sarebbero un ottimo strumento di difesa contro lo spread (di P. Becchi e G. Palma)

https://scenarieconomici.it/i-minibot-sarebbero-un-ottimo-strumento-di-difesa-contro-lo-spread-di-p-becchi-e-g-palma/embed/#?secret=0TtNLEW2eq

Seguite il consiglio. E subito. Risparmierete così non i 56 milioni dei “tagli sui vitalizi” (briciole, di cui voi grillini avete fatto tanto tripudio:  si vede che pensate da “poveri”), ma le centinaia, forse migliaia.

Avete anche la maggioranza per abolire l’obbligo del pareggio di bilancio in costituzione, norma fatta d Monti  (ma anche da Giorgetti) per obbedienza servile ai tedeschi.

 

Mi sta venendo un dubbio:  ma siete capaci di fare quello che dovete, nel caso estremo? Di espulsione o di uscita dall’euro?  Avete in mano le leve per  attuare i controlli  sui capitali (ci sarà una fuga, anzi c’è già) contrastare il  congelamento dei conti alla greca che Draghi può attuare emettendo i leggendari minibot? Sapete come si fa? Savona sa come si fa, ma io mi domando:  la Banca d’Italia obbedirebbe? Il ministero del Tesoro ?  La Rai, che voi non controllate ancora? Saprete farlo capire all’opinione pubblica, terrorizzata dal subisso mediatico terroristico sullo spread,  impaurita  per i propri risparmi?

Non mi sembra proprio. La gente è lasciata in balia delle voci del terroristi interni: rischio-Italia, debito ingigantito e impagabile, bancarotta,  lira supervalutata, inflazione, miseria….

la lettera continua con i tecnicismi necessari non solo per superare la crisi, ma anche per far guadagnare i risparmiatori italiani, il guaio è che La RAI non lo dice, il ministro Tria non lo dice; e nemmeno va a Bruxelles a ritorcere che se noi abbiamo fatto “una deviazione senza precedenti” per 8 miliardini  di deficit, la Germania  e l’Olanda fanno deviazioni senza precedenti  di surplus che per normativa europea devono ridurre.

In conclusione, liberate la RAI e indirizzate le energie degli italiani senza perdere tempo a litigare tra voi!

https://www.maurizioblondet.it/a-salvini-e-di-maio-ma-voi-sapete-cosa-fare-e-come/

6 pensieri su “Ma li fate i compiti?

  1. Poteva anche mostrarsi caustico, Benedetto Croce. E l’idea che si potessero combinare liberalismo e socialismo non gli andava proprio. Così nel 1942 riesumò dalle reminiscenze classiche il termine «ircocervo», animale mitico in parte caprone (hircus) e in parte cervo, per bocciare la sintesi ideologica liberalsocialista del filosofo antifascista Guido Calogero, che sarebbe divenuta una delle componenti culturali confluite nel Partito d’Azione.
    dal corriere.it

    Mi piace

  2. di Luciano Lago Arriva come una frustata, nella sera di Venerdì 19 Ottobre, il declassamento dell’agenzia Moody’s che ha annunciato di aver tagliato il rating dell’Italia. La notizia viene resa nota in tarda sera, dopo una giornata convulsa in Borsa, una notizia cattiva ma non inattesa: il nostro debito passa da Baa2 a Baa3, con outlook stabile. Un solo gradino più in basso, evitiamo così che i nostri titoli di Stato diventino “junk”, letteralmente carta straccia, con l’impossibilità soprattutto per molti fondi di investimento internazionali di acquistarli. Di fatto, l’anticamera del commissariamento della Troika. Si sapeva ed era facilmente prevedibile, nonostante i fondamentali positivi dell’economia italiana, Moodys colloca l’Italia come solvibilità del suo debito, al di sotto della Bulgaria. Per quanto l’Italia possa vantare una saldo di avanzo primario ed un livello di risparmio privato fra i primi in Europa, Moodys segnala preoccupazioni in merito alle riforme adottate dal governo giallo/verde
    https://www.controinformazione.info/declassamento-moodys-iniziato-lattacco-della-finanza-contro-litalia/

    Mi piace

    • Mi piace

  3. la colpa è invece di un ceto politico italiano che sulle diverse sponde, ha commesso errori catastrofici dovuti in ultima istanza sia a scarsa capacità di analisi sia a una sorta di fideismo servile e torpido verso i dettami del neoliberismo e dei suoi promotori -padroni. E oggi abbiamo ancora i nipoti a fare fronte per tutto questo. Siamo come quelli che hanno fatto fuoco e fiamme per entrare nel casinò dell’euro pensando di sbancare, senza nemmeno far caso alle regole di gioco incoerenti con la stessa idea d’Europa e che ne facevano piuttosto una bisca dove il banco vince comunque anche se perde, ma che dopo aver perso le mutande non hanno il coraggio di andarsene, aspettano di essere cacciati in malo modo pur di non prendersi nemmeno questa responsabilità.
    https://ilsimplicissimus2.com/2018/10/20/da-casino-a-casino/

    Mi piace

  4. La riconquista e l’esercizio della sovranità nazionale, dunque, esigono l’adozione di provvedimenti interni che non solo sanciscano di fatto e unilateralmente lo strappo dei trattati sottoscritti, ma anche che esprimano una politica estera non rinunciataria dell’interesse nazionale: la difesa intransigente dei confini geofisici, il controllo rigoroso di quelli finanziari, commerciali, doganali; la riscoperta del concetto e del valore della cittadinanza; una politica energetica autonoma e libera nella ricerca a tutto globo dei paesi fornitori; la nazionalizzazione delle produzioni e dei servizi strategici vitali per l’esistenza dello Stato e, all’interno di questi settori, il controllo pubblico delle reti di comunicazione. Il progetto e il programma sovranisti sono realizzabili se guidati da un unico postulato: la riapplicazione totale della Costituzione, quella del 1 Gennaio del 1948, quando in un clima di riscoperta coscienza della dignità nazionale ci si proponeva di riconquistarla con tenace impegno politico e diplomatico, e ci si illudeva di non doverla mai più perdere.
    http://appelloalpopolo.it/?p=45133

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.