Il dito e la diga

il mitico eroe che salvò l’Olanda dall’inondazione tappando col suo dito una falla nella diga che protegge il paese dal mare soprastante.

La metafora ci è venuta in mente pensando al mare di idiozie che ci sommerge ogni giorno dai social-network, dai talk-show televisivi e dai media in genere e dal nostro ambizioso tentativo di contrastarlo col piccolo lavoro che svolgiamo con bondeno.com e con i blog collegati al portale.

Fermo restando che qualcuno potrebbe non essere d’accordo, una cosa però è certa: la diga proprio non c’è e qualcuno dovrebbe seriamente pensare a costruirla!

Annunci

Un pensiero su “Il dito e la diga

  1. La leggenda di Hans Brinker, il bambino olandese che restò per una notte intera con il dito infilato nella fessura di una diga per impedire che il mare allagasse le campagne coltivate e il villaggio. E ve lo tenne fino a che non accorsero gli uomini a riparare la falla. Da questo aneddoto la scrittrice americana Mary Mapes Dodge trasse il romanzo per ragazzi “I pattini d’argento” (1873).

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...