Centralità del cibo

Non ci sarebbe bisogno di dirlo ai bondenesi (fedeli al principio “Basta c’as magna”) , ma è un dato di fatto che sui media il cibo viene ormai subito dopo lo sport: dai canali dedicati fino alle TV generaliste le trasmissioni di cucina si sono ritagliati spazi sempre più ampi e gli chef sono assurti al rango dei divi del pallone (anche l’incontro di Renzi con Hollande è stato consacrato dallo chef dell’Osteria “Francescana”?! di Modena).

Eppure la qualità del cibo è messa in pericolo dal sistema di distribuzione  (se un prodotto è buono sparisce dagli scaffali del supermercato per il suo alto costo), dal sistema di produzione (pesticidi e fertilizzanti a iosa) e dagli accordi internazionali (TTIP già in dirittura di arrivo).

Le capacità di spesa dei sudditi vengono ridotte ogni giorno di più da provvedimenti dichiaratamente punitivi (con la scusa della crisi) e questo non aiuta certo ad avere una corretta alimentazione.

Assistiamo quindi ad una divaricazione totale tra il mondo descritto dai media (vedi l’esempio di Fine living, canale 49 del digitale terrestre) e la realtà in cui vive il 90% degli italiani, quasi che la raffigurazione della vita possa essere un suo sostituto.

Nota:  Ci viene in mente in proposito l’arcivernice di Pier Lambicchi, personaggio del Corriere dei piccoli creato nel 1930 (subito dopo la famosa crisi del ‘29)

Tags: , ,

Stampa questo articolo Stampa questo articolo

11 Responses to “Centralità del cibo”

  1. In occasione delle Giornate Europee del Patrimonio 2015, promosse dal Mibac, e dedicate al tema “L’alimentazione e la storia dell’Europa”
    Il Magi promuove due visite guidate gratuite:

    19 settembre ore 16.30
    20 settembre ore 16.30

    Una ventina di assaggi visivi guideranno i partecipanti ad una riflessione sulla capacità del cibo di raccontare la vita dell’uomo contemporaneo tra desiderio e contraddizioni.

    Prenotazione obbligatoria entro venerdì 18 settembre.

    MUSEO MAGI ‘900

    Aperto dal martedì alla domenica, dalle ore 10.00 alle ore 18.00

    Via Rusticana A/1 – 40066 Pieve di Cento (BO) – tel. ­+39 051 6861545 – fax +39 051 6860364

    #1337
  2. Come esperienza personale ricordo che, negli anni ‘80 ebbi modo di provare il menu degustazione del ristorante La Grotta di Brisighella (quando lo chef era Nerio Raccagni) e rimasi piacevolmente sorpreso, non solo per la qualità del cibo, ma anche per il fatto che, ad ogni portata, ci veniva cambiato il vino per accordarlo al piatto.
    Casualmente, di fianco a noi, c’era una comitiva di Burana che non fece altro che brontolare per l’esiguità delle porzioni!
    http://www.ilmangione.it/ristoranti/brisighella/la-grotta/538493a57d0b4dea3a8fd33b/-/538493a57d0b4dea3a8fd33c/

    #1338
  3. Ai difetti enunciati nell’articolo va ovviamente aggiunto l’inquinamento industriale, lo smaltimento dei rifiuti tossici, i residui di radioattività degli esperimenti ed incidenti nucleari che rendono problematico il consumo di qualsiasi alimento.
    Ancora negli anni ‘50 in Panaro si poteva pescare e c’erano anguille e rane.

    #1339
  4. PP

    Si parla di cibo ovunque, si fanno programmi televisivi, esposizioni internazionali, addirittura mostre d’arte sul cibo e tutta la società sembra enormemente interessata al problema alimentazione, Bondeno in prima linea. Ma è proprio così? A me proprio non pare. Certi argomenti, come eliminare una volta per tutte la fame nel mondo o come quelli più sopra elencati da afenice, oppure quelli legati all’eccessivo consumo di cibo nei paesi sviluppati, vengono appena sfiorati e mai affrontati con l’intento vero di porvi rimedio. Quello però che maggiormente fatico a comprendere è come mai non venga spiegato chiaramente la necessità di adottare una dieta vegetariana quando ci sono studi scientifici in merito chiari e incontestabili. Oggi l’alimentazione vegetariana è una scelta che tutti dovrebbero considerare, un cambiamento in primo luogo per salvaguardare la propria salute, prevenendo malattie tremende come il cancro, ma anche per la difesa dell’ambiente e per salvare gli animali.

    #1341
    • Anche nel cibo ci sono le mode e quella vegetariana (oggi si preferisce vegana) non fa eccezione; specialmente se abbinata all’”affare” del biologico.

      #1342
  5. Daniel Spoerri, nato come danzatore e coreografo nella Berna degli anni Cinquanta, divenuto inventore di un nuovo linguaggio artistico, autore di ricette e menù, anima di ristoranti, e perfino, attore, attraverso la sua poetica ha messo in discussione conformismo, luoghi comuni, certezze. Un maestro che ha trasformato il nutrimento in un interlocutore privilegiato, in un vero e proprio trait d’union tra arte e vita. Nel percorso espositivo opere che vanno da un primo periodo di sperimentazione legato alla rivista “Materia!” (1955-1961), ai multipli cinetici, ai celebri tableaux-pièges, “quadri trappola”, composizioni casuali di residui di cibo e stoviglie usate, intrappolati nella resina e disposti in verticale, come quadri, oggi in collezione nei più prestigiosi musei di tutto il mondo.
    In mostra alla Galleria civica di Modena dal 10 ottobre 2015 al 31 gennaio 2016

    #1343
  6. Le proteste clamorose degli agricoltori a Bruxelles hanno dato frutti. L’Unione Europea sta dando ai suoi contadini 500 milioni di euro. Così, sarà compensato il calo dei prezzi causato delle sanzioni russe.

    Accompagnate da violente proteste di migliaia di agricoltori, i paesi dell’UE hanno concordato delle misure iniziali contro il calo dei prezzi dei prodotti agricoli. I ministri dell’agricoltura dell’Unione Europea lunedì hanno approvato a Bruxelles un pacchetto di misure della Commissione Europea, che prevede, tra l’altro, aiuti di emergenza pari a 500 milioni di euro.

    Di fronte al palazzo del Consiglio dell’Unione Europea in cui si sono incontrati i ministri, quasi 5.000 agricoltori provenienti da Belgio, Francia, Paesi Bassi e Germania hanno protestato con più di 1.500 trattori, secondo la polizia. Hanno provocato la parziale paralisi del traffico dentro e attorno alla capitale belga, e alcuni hanno bersagliato la polizia con le uova. La polizia ha usato cannoni ad acqua.

    Oltre ai 500 milioni di euro, la Commissione Europea vuole che le norme in materia di aiuti di Stato rimangano flessibili. I paesi dell’UE devono effettuare pagamenti diretti da metà ottobre fino al 70 per cento direttamente agli agricoltori. Inoltre, secondo la Presidenza lussemburghese dell’Unione Europea, sarà lanciato un nuovo programma per lo stoccaggio privato di carne di maiale. I prezzi d’intervento, in cui lo Stato agisce in qualità di acquirente portando così ad un abbassamento delle scorte, dovrebbero temporaneamente aumentare. Deve ancora essere concordata una somma, ha dichiarato il vicepresidente della Commissione UE Jyrki Katainen.

    Anche le barriere devono essere abbattute e la pubblicità dei prodotti agricoli deve essere rafforzata per aumentare la domanda nell’UE. Anche la riduzione dei costi per gli agricoltori deve essere una priorità, ha detto il ministro dell’Agricoltura lussemburghese Fernand Etgen.

    La UE dà la colpa del declino dei prezzi, tra le altre cose, all’embargo russo sui prodotti agricoli, nonché alla diminuzione della concorrenza in Cina, dove le scorte sono cresciute.
    http://vocidallestero.it/2015/09/21/le-sanzioni-alla-russia-costeranno-ai-contribuenti-dellunione-europea-altri-500-milioni/

    #1345
    • Due cose da sottolineare nell’articolo (pertinente perché TUTTO il nostro cibo dipende dall’agricoltura):
      la prima è che una protesta, per essere efficace, deve essere fatta a Bruxelles;
      la seconda è la significativa assenza dell’Italia tra i manifestanti.

      #1346
  7. La foto dell’articolo è stata presa a Bologna in una via originariamente dedicata alle botteghe di orefice (parallela a Via Pescherie); adesso su entrambe c’è una distesa di tavolini “alla francese” ed esercizi tutti legati alla ristorazione. Anche la libreria dell’ ex-cinema Ambasciatori al suo interno ospita ristorante e cantina.

    #1356
  8. Magna cura cibi, magna virtutis incuria.
    Dove c’è gran cura del cibo, è grande l’incuria per la virtù.
    Ammiano Marcellino, Storie, 16,5,2

    #1357
  9. Dopo aver ascoltato silenziosamente le mie parole che lo incitavano a mangiare molto meno e molto meglio, il paziente (anziano, 82 anni, obeso) mi ha risposto con molta franchezza:
    “Una volta mangiavo molto e non ingrassavo mai. Ora mangio molto meno e non dimagrisco”.
    “Però, dottore, mi creda, non mangio molto, anche se è vero che mia figlia mi dice che sbaglio a mangiare, ma a me non pare di mangiare male: sono tutte cose buone. Ecco cosa mangio:
    – A colazione bevo una bella tazza di latte ben zuccherato e mangio un panino di ossocollo (è la cosa più buona!).
    – A pranzo mangio un piatto di pastasciutta condita con olio e formaggio e poi solo una grande terrina di verdura del mio orto, ben condita, perché a me piace che il cibo sia gustoso.
    – Di pomeriggio mangio qualche frutto, perché ho molti alberi da frutta nei campi.
    – A cena mangio due belle bistecche al sangue con molta verdura e un po’ di formaggio: la carne non me la può togliere, perché io lavoro ancora, per quanto i dolori a schiena e gambe mi permettono di fare!
    – Bevo 2-3 bicchieri di vino, ma solo durante il pasto; è vino che faccio con la mia uva!
    – Che sia allora la grappa che prendo con il caffè e poi anche dopo cena, per digerire, che mi fa ingrassare?”.
    http://www.informasalus.it/it/articoli/perche-voglio-ammalarmi.php

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...