La vita continua

Stamattina, nel consueto giro d’orizzonte dei blog che seguo, ho trovato un articolo che mi aspettavo http://albo-pretorio-bondeno.blogspot.it/2015/01/finisce-qui.html in cui il Dr. Aleotti annuncia la chiusura del suo blog su Bondeno sostanzialmente perché la popolazione è attonita, apatica incapace di reagire, assuefatta all’indignazione indotta da tanti maestri, più o meno cattivi, che dalle televisioni, radio, social-network e blog, come questo, li incita alla denuncia del malaffare e alla scoperta delle “cose che non si sanno”.

Sono gli stessi motivi per cui nel 2013 avevo pensato la stessa cosa e avevo aperto terzapagina.info , poi l’imminenza delle elezioni politiche e la speranza che cambiasse qualcosa mi aveva fatto riprendere.

E’ successo invece che anche i candidati non eletti sono spariti subito dopo le elezioni a testimonianza che ormai la politica è “soltanto far carriera” e la gente (abituata dal calcio) preferisce fare il tifo piuttosto che scendere in campo.

Come dice Paolo Barnard (citato anche da Aleotti): Ciò che manca è la consapevolezza del cittadino medio e la volontà di mettere in atto piccolissimi cambiamenti … e anche questo è abbastanza palese…
Comunque se vogliamo farci male da soli, possiamo fare finta di niente per il resto della vita e lasciare che siano gli altri a risolvere i nostri problemi  …

a loro vantaggio ovviamente, intanto che noi rincorriamo le briciole che lasciano generosamente cadere.

Stretta la soglia larga la via, dite la vostra che ho detto la mia.

Annunci

6 pensieri su “La vita continua

  1. Trovo ci sia ben poco da dire e da aggiungere, solo da condividere quanto detto sopra che si manifesta in maniera lapalissiana nella vita sociale di Bondeno(e non solo). Resta la costernazione di chi vuole mettere disinteressatamente a disposizione quel poco o tanto che ha, per rendere un servizio alla propria comunità e che purtroppo deve rendersi conto che le capacità specifiche, l’esperienza accumulata, la cultura del territorio e organizzativa, la meritocrazia in genere non contano più nulla se non sono inquadrate in uno schema che ha solo il fine di mettersi al servizio del potente di turno. Non mi voglio arrendere a questa atrofizzazione(per non usare il termine di Mourino, prostituzione) mentale. Ma col tempo penso dovrò essere costretto mio malgrado a metabolizzarla questa assuefazione del popolo a qual si voglia pratica di potere. Non sia mai !

    Mi piace

  2. A me invece piace pensare in termini “letterali” a questa canzone https://www.youtube.com/watch?v=13fuhrEc5ko Non sono mai stato di sinistra anche se ho sempre appezzato tantissimo l’animo delle canzoni di Guccini. Da qualche anno ho felicemente riscoperto P.Bertoli e di questa canzone condivido tutto anche le virgole. La canterei ogni momento a squarciagola quando m’immedesimo e la rivolgo alla situazione politico-sociale che mi sta attorno. “…ho sempre odiato i porci e i ruffiani…i falsi che si fanno una carriera…volevo dire ciò che penso…affronterò la vita a muso duro con un piede nel passato e lo sguardo dritto e aperto nel futuro…e alla fine della strada potrò dire che i miei giorni li ho vissuti…”. Se non è poesia questa ! Ricca di ideali, spirito di vita e purtroppo, nonostante gli anni, sempre più attuale ! Lorenzo Berlato

    Mi piace

  3. A mio parere, la gente, mediamente, non ha mai avuto molto senso critico neppure in passato. Ora però alla mancanza di consapevolezza e di capacità di reagire in prima persona alle ingiustizie, si è aggiunta la quasi totale sfiducia nei partiti con conseguente delusione, rassegnazione e spaesamento. Mai come adesso, però, si sono aperti ampi spazi per ritornare a parlare alla testa, all’anima e al cuore delle persone, per dirla alla Moretti di tanti anni fa. Il guaio è che io non vedo all’orizzonte né idee veramente innovative, né uomini capaci di far comprendere con semplicità, onestà e lungimiranza il tempo che stiamo vivendo e quali cambiamenti dovremmo fare tutti per salvare noi stessi e il mondo. Vedo giusto, qua e là qualche Don Chisciotte, indomito guerriero, al quale va comunque il mio grazie.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...