Alan Fabbri al 30%

dal sito Facebook

FABBRI AL SEGGIO DI BURANA: “TRANQUILLI E FIDUCIOSI”

BURANA (Bondeno, Fe), 23 NOV – Il candidato alla presidenza della Regione Alan Fabbri ha votato oggi alle 9,45 al seggio di Burana, sezione elettorale 10. A seguire spuntino in azienda agricola con gli amici, visita a Stellata, per controllare il livello del Po, quindi pranzo al “Calesse” di Zerbinate. Questo pomeriggio tappa a Burana, per il derby Burana-Scortichino. E proprio a Scortichino, questa sera, Fabbri attenderà il risultato elettorale. Appuntamento al bar “Dal Mister”, dalle 20. Nell’occasione ‘maccheronata’ con amici. “Sono tranquillo e fiducioso. Abbiamo fatto una campagna elettorale coraggiosa e tostissima, ringrazio tutti: è stata un’esperienza magnifica. 17mila chilometri in tre settimane: rifarei tutto domani mattina”.

Così la ripartizione dei seggi del consiglio regionale:

PD 30;  SEL 2; LEGA 9; FI 2; AN 1; M5S 5; L’Altra Emilia Romagna 1.

Annunci

7 pensieri su “Alan Fabbri al 30%

  1. Come se non bastasse il fatto che ha votato solo poco più di un elettore su 3, il sistema maggioritario falsa ulteriormente il risultato rispetto al tradizionale proporzionale puro.
    Ad ogni modo poco è cambiato rispetto al 2010: 32 consiglieri per la sinistra, 2 per i cinque stelle (espulsi dal M5S), 11 PDL-4 lega-1 UDC

    Mi piace

  2. Quindi, al parco buoi elettorale non resta che allontanarsi, tenersi lontano dalle urne, per disprezzo, disgusto, rabbia. Non c’è alcuna alternativa concreta e per questo l’astensione dilaga, senza che ciò implichi una qualche “presa di coscienza” o il sorgere repentino di vere alternative politiche. Oggettivamente a beneficio di Renzi, del suo governicchio euroservo e del pd ultra-liberale.
    http://pauperclass.myblog.it/2014/11/24/effetto-renzi-lastensione-eugenio-orso/

    Mi piace

  3. CHIACCHIERONI INEFFETTUALI

    Di Battista stavolta la lezione la devi imparare, non la devi svolgere. La gente sta aspettando un Fanfani, un Mattei, un Togliatti, un Riccardo Lombardi o un Mussolini (democratico, si spera), un Quintino Sella, un Cavour, un Garibaldi o un Mazzini. Non li trova nei partiti tradizionali, non li trova in voi, che addirittura ne negate l’utilità, e allora ha sospeso il voto in attesa di un partito che abbia uomini come Fanfani, Mattei, Togliatti, Lombardi, Mussolini, Sella, Cavour, Garibaldi o Mazzini.

    Oggi la gente non “prova” più a dare il voto. Oggi vuole stimare o ammirare, altrimenti sa che nulla cambierà e quindi non vuole essere responsabile dello sfascio. Voi, ormai, siete parte integrante dello sfascio, perché occupate uno spazio politico senza svolgere la minima funzione. La gente ha capito che siete ineffettuali E non c’è nulla che l’uomo comune disprezzi come disprezza colui che chiacchiera tanto e non è capace di fare nulla, ossia l’ineffettuale chiacchierone. Voi siete chiacchieroni ineffettuali.
    http://www.appelloalpopolo.it/?p=12565

    Mi piace

  4. Un riassunto delle puntate precedenti ad uso dei giornalisti che hanno scoperto Bondeno solo adesso:

    Mi piace

  5. Qualcuno ancora sveglio c’è:
    Sempre troppo poco. lo hanno votato, lo votano, lo rivoteranno (o un suo adepto). Sempre troppo poco, perché fa bene a trattarci da c…, lo siamo (almeno la maggioranza). Questa è la realtà cari amici e voi lo sapete bene (almeno quei venticinque lettori del blog). Alla “gente” (che li vota a stragrande maggioranza) non gliene frega niente della Tari, del blog, della disoccupazione, del degrado irrefrenabile di Bondeno, di tutto quello che riguarda la cosa pubblica. Riceve la cartella delle tasse, ascolta Fabbri che dice che è colpa di Renzi e maledice Renzi (o Monti, o Letta, o…). Poi la va a pagare, lo incontra al bar e si convince che ha ragione. Se lui triplica le tasse e poi alla sagra dei famigli racconta che la colpa è dello stato, i boccaloni se lo bevono. Sempre troppo poco. Se spacciano per cultura una commedia dialettale (e Occhiobello e Copparo per esempio hanno Cederna, Rossi, Orlando in calendario), se spacciano per grandi opere la ristrutturazione di un cimitero, se se se… chi è causa del suo mal pianga se stesso: questo è il livello dei bondenesi, non pensiamo di essere a Oslo. Di quelli di destra (che da dieci anni minimo minimo spalleggiano questi personaggi pur di star seduti in comune), di sinistra (che qualche mese fa invece di votare per il loro bigio ma preparato hanno votato in massa per Biancardi), di centro (no comment, meglio). The best is yet to come.
    commento anonimo a : http://albo-pretorio-bondeno.blogspot.it/2014/12/siamo-dei-coglioni-ma-non-trattateci-da.html

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...