Biblioteca Ariostea (marzo)

[issuu layout=http%3A%2F%2Fskin.issuu.com%2Fv%2Flight%2Flayout.xml showflipbtn=true autoflip=true autofliptime=6000 documentid=120227101736-755e2ae329ae4bd3ad9932b0da829b7b docname=attivita_culturali_marzo_2012_a4 username=afenice loadinginfotext=Biblioteca%20Ariostea%20(marzo%202012) showhtmllink=true tag=conferenze width=600 height=425 unit=px]

» Martedì 28 febbraio ore 17 INVITO ALLA LETTURA
Silvia Golfera – LA SOLITUDINE DELL’ANIMALE (Discanti Editore 2011)
INVITO ALLA LETTURANe parla con l’Autrice Elena Romito, docente di Filosofia
Si narra di un omicidio dal punto di vista di chi lo commette. Un lucido viaggio nella mente di un assassino, di un uomo che predispone un piano crudele, folle quanto la squilibrata altalena tra assenza e sovrabbondanza di emozioni che caratterizza la vita del protagonista. Colpi di scena, uno stile attento, sospeso, a volte duro e feroce per far risaltare i due aspetti entro i quali si muove la vicenda: quello pubblico del delitto e quello privato delle emozioni e dei rapporti personali.
Silvia Golfera si occupa di cultura ebraica e russa. Suoi interventi sono stati pubblicati in riviste specializzate quali “Rassegna mensile di Israel”, “Ha Keillah”, “Ebraismo e dintorni”. Segnalatasi in diversi concorsi letterari, ha pubblicato racconti e poesie su riviste specializzate e in pubblicazioni collettive. Una raccolta di racconti dal titolo “La donna invisibile” è uscita nel 2008. Nello stesso anno ha realizzato per l’Associazione Storia/memoria di Bologna, il film “Il poligono di Butovo”.

» Giovedì 1 marzo ore 17 – INVITO ALLA LETTURA
Edoardo Penoncini – UN ANNO SENZA PRETESE
Poesie fuori programma (Aprile 2009 – Aprile 2010) (Ed. Ibiskos Ulivieri 2010)

INVITO ALLA LETTURADialoga con l’Autore Zena Roncada, prefatrice del volume; Gianna Vancini, Presidente Gruppo Scrittori Ferraresi; Alessandra Ulivieri, editore;
Letture di Roberto Chianura; musiche Beatrice Salmaso, arpa
Edoardo Penoncini nasce ad Ambrogio di Copparo. Laureato in Storia Medievale, accanto all’interesse per la storia, coltiva l’amore per la poesia, che esprime nelle raccolte “Acqua Latte Miele”, Fragranze”, “L’argine dei silenzi”.
Con questa ultima opera l’autore dichiara la propria appartenenza a luoghi reali quali il borgo, Ferrara, l’Appennino, a volte citati in maniera esplicita, a volte solo sottesi. E invita poi il lettore ad andare oltre le parole, a farle proprie.
“Dopo il viaggio sul crinale spartiacque/spartimondi de ‘L’argine dei silenzi’, con questa raccolta di poesie l’autore propone un ulteriore itinerario tra stagioni e giorni […] un percorso scandito in sei stazioni che tracciano la mappa immaginosa di una poesia ‘senza gabbie o veli’.
(Zena Roncada)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...